Il Brogliaccio del Dandy

In quest'area di appunti è data facoltà ai Visitatori di corredare con un'immagine un testo che abbia ad oggetto il mondo del Dandy. Un dettaglio, un personaggio, un'opera d'arte, potranno così trovare il riscontro grafico a volte necessario ad illustrare ciò che la parola non può esprimere. Si può inserire una sola immagine per volta. Come in tutte le aree interattive del castello, è necessario sottoscrivere l'intervento col proprio nome, cognome ed indirizzo.
Perché sia visibile l'anteprima dell'immagine, cosa assai importante, il nome del file grafico non dovrà assolutamente contenere spazi.
 
- Scrivi sul taccuino - Torna alla homepage -
 
  Titolo: Il dandy J.H. Vernoy co-autore di "Giselle"
Data: 2009-02-23
Nome Cognome: Stefano Antonio Masci
E-mail: masci.stefano@virgilio.it

Cod. rif: 946
Testo:
...Gautier non era contento del suo 1° atto di Giselle nella parte drammaturgica : mancava azione e sussisteva una certa confusione nelle danze... Un giorno si recò all'Opèra di Parigi e incontrò il suo caro amico Jules Henry Vernoy, Marquis de Saint-Georges, drammaturgo e dandy dai gusti raffinati, che aveva già scritto opere e balletti importanti...L'abile scrittore dalla penna fantasiosa entusiasmò talmente Gautier, da affidarne in seguito il soggetto del 1° atto di Giselle. Infatti il libretto del più tardi famosissimo balletto romantico e firmato dalla coppia Vernoy - Gautier !
     
  Titolo: J. Cocteau innamorato della danza !
Data: 2009-02-23
Nome Cognome: Stefano Antonio Masci
E-mail: masci.stefano@virgilio.it

Cod. rif: 945
Testo:
Ecco una foto “Le train blue” del Ballets Russes, basato su un lavoro di Cocteau, con costumi firmati Chanel e scenografie di Picasso, danza di Nijinska e musica di Milhaud.
     
  Titolo: J. Cocteau innamorato della danza !
Data: 2009-02-23
Nome Cognome: Stefano Antonio Masci
E-mail: masci.stefano@virgilio.it

Cod. rif: 944
Testo:
Jean Cocteau fin da giovanissimo frequentò i circoli letterari e artistici più in vista di Parigi, cosa che lo portò a intraprendere quell'avventura intellettuale che fece di lui una delle personalità più singolari di Francia per oltre mezzo secolo. Nell'attività febbrile che gli fece sperimentare quasi tutti i generi artistici, giocando spesso un ruolo di primissimo piano, non è probabilmente al teatro che Cocteau ha riservato il meglio di se stesso. E tuttavia il teatro, al pari del mondo della danza e del balletto, non ha mai cessato di affascinarlo: nella sua produzione ha via via saputo riflettere, a volte anche simultaneamente, tutte le mode letterarie del suo tempo ricco di `ismi' e di avanguardie. Personalità più che mai poliedrica, ha affrontato il balletto collaborando con Diaghilev ed elaborando scenari, manifesti, soggetti per spettacoli che hanno fatto la storia del genere. Dopo Le Dieu bleu con Fokine (musica di R. Hahn, 1912), le polemiche esplosero con Parade (1917), balletto cubista e parodistico di cui aveva scritto il soggetto e di cui Satie e Picasso avevano fornito rispettivamente musica e scene. Con le sue originali scenografie riuscì anche a dar vita a una realtà poetica complessa, in cui elementi scenici quotidiani diventavano fiabeschi ( Les mariés de la Tour Eiffel , 1921). In seguito contribuì al successo dei Ballets des Champs-Élysées, soprattutto con Le jeune homme et la mort (coreografia del giovane R. Petit, 1946), realizzando anche scene e costumi di molti balletti per l'Opéra, tra cui Phèdre (coreografia di S. Lifar, 1950)
     
  Titolo: Il dettaglio della camicia di J.Cocteau !
Data: 2009-02-18
Nome Cognome: Stefano Antonio Masci
E-mail: masci.stefano@virgilio.it

Cod. rif: 943
Testo:
Gentile Sperelli, Lo studio dei particolari di Cocteau, li trovo interessanti. In particolar modo della camicia, mi incuriosisce la mancanza di pieghe sullo sparato , risultato raggiunto facendo applicare dal proprio sarto un bottone al fondo di questa che abbottonava tra le gambe . Un dettaglio che mi incuriosisce ! Esiste un disegno o una foto che potrebbe meglio rappresentare tale ingegno ?! Cordialmente Stefano Antonio Masci
     
  Titolo: Un dandy in rima, di Ivano Comi
Data: 2009-02-17
Nome Cognome: Andrea Sperelli
E-mail: andreasperelli8@yahoo.it

Cod. rif: 942
Testo:
Dopo alcune settimane di preparazione è finalmente in legatoria l'ultimo libro di Ivano Comi: "Un dandy in rima", poesie sul guardaroba ed il sentire dandistico, pubblicate come sempre da Stefanoni (sarà pronto tra quindici giorni circa). Il libro è stampato in un numero limitatissimo di esemplari, rilegati a mano, con disegni di copertina e di retro di copertina di Massimiliano Mocchia di Coggiola - stampati, ritagliati ed incollati a mano su ogni esemplare. L'ultimo libro di Comi, "Il dandy e il blu", ha venduto cento copie in tre giorni: un vero record per un argomento simile. Non ci si aspetta che il pubblico recepisca altrettanto bene un'opera poetica (la poesia, oggi come oggi, si vende male), ma la preziosità del prodotto ne aumenterà ancor più, se possibile, il valore letterario.
     
Inserisci la parola chiave da cercare:   

Effettua una ricerca su:
Cod. riferimento Cognome Titolo Descrizione


 
- Scrivi sul taccuino - Torna alla homepage -
 
 
[219 218 217 216 215 214 213 212 211 210 209 208 207 206 205 204 203 202 201 200 199 198 197 196 195 194 193 192 191 190 189 188 187 186 185 184 183 182 181 180 179 178 177 176 175 174 173 172 171 170 169 168 167 166 165 164 163 162 161 160 159 158 157 156 155 154 153 152 151 150 149 148 147 146 145 144 143 142 141 140 139 138 137 136 135 134 133 132 131 130 129 128 127 126 125 124 123 122 121 120 119 118 117 116 115 114 113 112 111 110 109 108 107 106 105 104 103 102 101 100 99 98 97 96 95 94 93 92 91 90 89 88 87 86 85 84 83 82 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 71 70 69 68 67 66 65 64 63 62 61 60 59 58 57 56 55 54 53 52 51 50 49 48 47 46 45 44 43 42 41 40 39 38 37 36 35 34 33 32 31 30 29 28 27 26 25 24 23 22 21 20 19 18 17 16 15 14 13 12 11 10 9 8 7 6 5 4 3 2 1 ]
Pagine totali: 219